Additivi nei cosmetici, li conosciamo?

Quando applichiamo un cosmetico se creme, lozioni, shampoo, gel, saponi, oli, coloranti, la nostra pelle assorbe le sostanze attraverso i capillari e li invia al flusso sanguigno.

Ma non solo assorbe i principi attivi, ma anche gli eccipienti e gli additivi aggiunti al cosmetico che sono necessari per realizzare il prodotto, come gli eccipienti, e per evitare la contaminazione batterica e possibili infezioni della pelle, come nel caso dei conservanti. Coloranti e aromi conferiscono al cosmetico un aspetto più attraente.

Differenza tra eccipiente e additivo
Gli eccipienti sono la forma, cioè il veicolo in cui i beni del cosmetico, gel, crema, olio, schiuma, ecc.andrà. Sono sostanze essenziali nella produzione di cosmetici e quando sono di origine naturale possono aggiungere proprietà benefiche al cosmetico. Eccipienti più comunemente usati:

Acqua.
Alcol.
Acetone.
Etere alcolico.
Oli minerali.
Oli naturali.
Lanolina.
Silicone.
Gli additivi inclusi nei cosmetici sono responsabili della conservazione, dando colore e aroma al prodotto. La maggior parte dei cosmetici contiene additivi, coloranti, conservanti, che sebbene consentiti, alcuni sono cancerogeni e altri se abusati possono accumularsi nel corpo causando problemi a organi importanti come il fegato e i reni.

I prodotti biologici o biologici, anche se hanno additivi secondo le normative ECOCERT, devono essere di origine naturale.

Colorante
La sua funzione è quella di rendere il prodotto più attraente e i più utilizzati sono:
Luminoso blu E131; Tartrazina E102, giallo; FD & BLU No. 1.

Additivi che possono causare allergie e fotosensibilità
Ci sono alcuni additivi inclusi nei cosmetici che possono produrre allergie e fotosensibilità come i conservanti metilchloroisolinone e metilisotiazolinone. Oltre agli additivi chimici derivati dal petrolio: Paraffinum liquidum, vaselina, olio per bambini( olio minerale), sodio lauril solfato (SLS) che si trovano principalmente nei cosmetici come shampoo, gel liquidi e saponi, dentifricio, deodoranti, ecc.

Additivi cancerogeni
A volte possiamo trovare alcuni additivi che possono essere cancerogeni e, quindi, dobbiamo evitare.

Saccarina.
Padimate – O (octyl dymethyl PABA), si trova principalmente nei prodotti di protezione solare e può causare la formazione di nitro-ammina, considerata cancerogena.
DEA (dietanolamina), MEA (monoetanolamina), TÈ (trietanolamina) utilizzato in shampoo e saponi.
Alcool o isopropile utilizzato in profumi, lozioni da barba, ecc.
Parabeni, additivi molto pericolosi
I parabeni sono conservanti antimicrobici e sono considerati gli additivi più pericolosi in quanto possono produrre molte reazioni cutanee, dermatiti da contatto, irritabilità e arrossamento della pelle, eccessiva secchezza, dolore e infiammazione della pelle.

Ci sono studi che li riguardano anche a diversi tipi di tumori e alterazioni degli estrogeni nel corpo, poiché possono imitare gli ormoni che interferiscono nel sistema endocrino. Il suo uso è consentito in una concentrazione non superiore allo 0,4% ma viene utilizzato combinato fino allo 0,8%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.